Tattoo Maori

Tattoo Maori

I Maori sono gli indigeni che hanno avuto origine in Nuova Zelanda. Utilizzano una forma di body art, nota come Moko, ma più comunemente detta tatuaggio (tattoo) Maori . Questa forma d’arte è stata portata ai Maori dalla Polinesia ed è considerata altamente sacra.

Dal momento che il popolo Maori considerano la testa come  la parte più sacra del corpo, il tipo di tatuaggio (tattoo) più popolare tra i Maori è il tatuaggio facciale,  composto da forme curve e spirale come modelli. Spesso questo tatuaggio copre tutto il viso ed è simbolo di rango, stato sociale, potere e prestigio.

Per i Maori, il tatuaggio (tattoo) era (e per alcuni, lo è ancora) un rito di passaggio, il che significava che era molto venerato e ritualizzato. Il tatuaggio (tattoo) comincerebbe di solito durante l’adolescenza.

La cosa grandiosa dei tatuaggi (tattoo) maori tra i Maori è che ad oggi, non esistono due tatuaggi (tattoo) uguali. I Tatuaggi maori sono unici nel suo genere, sono sempre molto intricati  e dettagliati e rappresentano l’arte non solo l’artista della cultura Maori.

L’artista del tatuaggio (tattoo) Maori si chiama tohunga ta moko che significa specialista Moko. Questi tatuatori sono molto rispettati e considerati  inviolabili o santi.

Tattoo Maori

Per info o per prenotare un appuntamento

(+39) 346.60.84.258

Se preferisci, puoi contattare lo studio spektrumtattoo tramite email, compilando il form dalla pagina contatti

Contattaci tramite email!

Tattoo Maori è un tatuaggio complesso

Il tattoo Maori tradizionalmente non comportava  l’uso di aghi; piuttosto i Maori usavano coltelli e scalpelli formati da denti di squalo, ossa affilate o pietre taglienti. Lo scalpello, chiamato anche UHI , era fatto da ossa di albatros anche se alcuni dicono fosse  fatto di ferro. Coltelli e scalpelli potevano essere  semplici e lisci o seghettati, e questi venivano utilizzati in modo intercambiabile a seconda del modello di destinazione o disegno sulla pelle.

Gli inchiostri che sono stati utilizzati dai Maori per la stesura del tatuaggio erano composti con prodotti naturali. Il Legno bruciato è stato utilizzato per creare pigmenti neri; mentre i pigmenti più leggeri erano ricavati da bruchi infettati con un certo tipo di fungo, o da gomma kauri  bruciata mescolata con grasso animale. I pigmenti venivano  poi conservati in contenitori decorati chiamati Oko , che divenivano cimeli di famiglia. Le Oko erano spesso sepolte quando non venivano usate.

Il pigmento nero estratto dal legno bruciato era riservato esclusivamente per i tatuaggi facciali;mentre quelli a base di insetti o gomma bruciata era utilizzato per contorni e altri tatuaggi meno venerati. Prima di iniziare l’opera il maestro studiava  la struttura facciale per decidere il design più accattivante. Come accennato prima, non esistono due tatuaggi maori uguali.

Commenti

commenti